Categorie | News

Addio Irrational Games: chiude lo studio di Ken Levine [industria]

Addio Irrational Games: chiude lo studio di Ken Levine [industria]

In giro c’è chi dice che la notizia fosse nell’aria, che Bioshock: Infinite aveva impiegato troppo tempo ad uscire e che le finanze della software house fossero già in picchiata. Tutto questo non serve certo ad addolcire la pillola, né a smorzarne l’effetto sorpresa: Irrational Games, il visionario studio patrocinato da Ken Levine che ci ha regalato la saga di Bioshock, sarà presto chiuso. Lo ha dichiarato lo stesso Levine, in un comunicato stampa dove afferma che da oggi in poi, lavorerà con un nuovo team a progetti low budget, sempre in seno a Take Two; solo 15 membri del vecchio staff lavoreranno con lui. Scompare così il sogno di chi in cuor suo, una volta chiuso il capitolo Bioshock, sperava in un ritorno alla fantascienza pura da parte del team. Non resta che augurare le migliori fortune ai dipendenti rilasciati in seguito all’annuncio, e prendere atto di quanto Ken Levine ci dice nel suo messaggio:

Quando Jon Chey, Rob Fermier ed io fondammo Irrational Games 17 anni fa, la nostra missione consisteva nel cerare mondi unici popolati da personaggi singolari.

Abbiamo costruito Raputure e Columbia, la Von Braun ed il Rickenbacker, La Fortezza della Libertà ed alcuni tra i peggiori covi nei quali la S.W.A.T. abbia mai messo piede. Abbiamo creato Booker ed Elizabeth, il Big Daddy e le Little Sisters, le MidWives ed i ManBot. In tutto questo tempo, Irrational è diventata più grande ed affermata di quanto potessimo mai immaginare quando lavoravamo soltanto in 3 in un salotto di Cambridge, nel Massachussets. È stato il progetto che ha definito la mia carriera professionale.

Adesso Irrational Games rilascerà l’ultimo DLC per Bioshock Infinite, e la gente comincerà a domandarsi legittimamente cosa succederà dopo.

Diciassette anni sono un lungo periodo per qualsiasi professione, persino il migliore. E lavorare con l’incredibile team di Irrational Games è assolutamente il miglior lavoro che abbia mai avuto. Per quanto sia profondamente orgoglioso dei nostri risultati, la mia passione si è rivolta al realizzare un tipo di gioco diverso da quelli che abbiamo creato sino ad ora. Per affrontare questa sfida, ho bisogno di concentrare le mie energie in un team più piccolo con una struttura più orizzontale, ed un rapporto più diretto con i giocatori. Per molti aspetti, sarà un ritorno alle origini: un piccolo team che realizza giochi per giocatori hardcore.

Sto mettendo un punto alla Irrational Games che conoscete oggi. Ricomincerò con un’esperienza imprenditoriale più compatta in seno a Take Two, e questo significherà dovermi separare da tutti i colleghi di Irrational a parte 15. Non esiste un modo per licenziare elegantemente qualcuno, e la nostra prima preoccupazione sarà quella di assistere il più possibile quelli che se ne vanno durante questa transizione.

Aldilà del supporto finanziario, lo staff potrà accedere allo studio per un periodo di tempo per mettere insieme i propri portfolio e salutare i colleghi. Altri studios in Take Two discuteranno di eventuali opportunità all’interno della compagnia, ed ospiteremo una sessione di reclutamento dove daremo alle terze parti la possibilità di intervistare i membri di Irrational in partenza.

E poi?

Al momento opportuno, annunceremo un nuovo progetto ed un nuovo obiettivo: quello di realizzare giochi narrativi per giocatori hardcore dalla forte rigiocabilità. Per agevolare la più intensa comunicazione col pubblico, realizzeremo unicamente prodotti scaricabili.

Quando ho cominciato a riflettere su quel che avrei fatto, ho subito capito che sarebbe servito un lungo periodo di progettazione. Inizialmente pensavo di abbracciare il classico modello delle startup e tutti i rischi connessi. Ma quando ho informato Take Two dell’idea, mi hanno convinto che non c’è posto migliore per ricominciare se non all’interno delle loro stesse mura. Dopotutto, parliamo della gente che mi ha creduto e ha supportato Bioshock sin dall’inizio.

Grazie ad Irrational ed alla passione di 2K nel realizzare giochi, ed ai fan che ci hanno creduto, Bioshock ha realizzato vendite al dettaglio per oltre mezzo miliardo di dollari, assicurandosi un ruolo iconico nella storia dei videogiochi. Affiderà le redini della nostra creazione, l’universo di Bioshock, a 2K in maniera tale da potermi concentrare del tutto sulla narrativa ripetibile. Se saremo fortunati, riusciremo a creare qualcosa che sia memorabile almeno la metà di Bioshock.

– Ken Levine

Questo post è stato scritto da:

- ha scritto 3648 articoli su Inside The Game.

Contatta l'autore

Commenti

Commenti

Rispondi