Categorie | COPERTINA, Editoriali

Week Game Over: la settimana videoludica raccontata da ITG [17 – 21 febbraio]

Week Game Over: la settimana videoludica raccontata da ITG [17 – 21 febbraio]

Vi siete persi le notizie principali dell’ultima settimana? In effetti, tra picchi dell’influenza e il festival di Sanremo le possibilità che questo sia accaduto sono decisamente alte, ma niente paura: Week Game Over è qui per raccontarvi i punti salienti degli ultimi sette giorni per salvare chiacchiere da bar e zuffe da forum dei giocatori più impegnati.

Lunedì 17, mentre il mondo veniva messo al corrette dell’ennesimo film dedicato ai Transformers con conseguente videogioco, Hideo Kojima diffondeva in rete immagini comparative delle svariate versioni del suo imminente Metal Gear Solid V:Ground Zeroes. Come sempre, il sottoscritto sarebbe in grado di percepire due giochi come graficamente diversi solo se uno dei due avesse la grafica di pinball; tanti giocatori, invece, hanno potuto tirarsi i capelli a vicenda nel tentativo di stabilire “la più meglio”(licenza poetica): PlayStation 4 o Xbox One?

Il giorno successivo, invece , Capcom ha presentato in maniera più approfondita il suo ambizioso progetto Free-To-Play: Deep Down. Sarà stata l’espressione free-to-play, la possibilità di giocare online, la commistione di ambienti futuristici con ambientazioni più medievali, ma questo particolare GDR mi fa venire voglia di correre al negozio più vicino e comprare una PS4 effettuando quello che si potrebbe definire un “acquisto preventivo”, come le guerre che piacevano tanto al caro e vecchio George W. Bush Jr. Gran parte dei giocatori, però, piuttosto che per l’ultima fatica di Capcom si è entusiasmata per il goticheggiante The Order: 1886 che trailer dopo trailer incomincia ad emergere dalle nebbie di mistero che lo avvolgono.

Mercoledì, Kojima-san è tornato alla carica con un nuovo filmato comparativo per gettare ulteriore benzina sul fuoco della passione di quanti combattono la console war e pensavano di aver esaurito l’argomento MGS V. Inside The Game è riuscita a far capire anche al sottoscritto quali siano le differenze tra la versione PS3 e quella PS4 grazie a una semplice immagine. Grazie.

Nello stesso giorno, però, l’industria videoludica ha assistito alla dipartita di uno degli studi che ne aveva fatto la storia, ovvero Irrational Games. Dopo il lungo travaglio di Bioshock Infinite, lo studio di Ken Levine chiude i battenti e i 15 sopravvissuti hanno annunciato di essere al lavoro su qualcosa che si spera sia memorabile almeno la metà di Bioshock.

Gli addii e la disoccupazione sono argomenti che intristiscono, ma per fortuna possiamo domandarci “com’è stato il 2013 di Trevor Phillips?” e tornare a ridere grazie a Rockstar e al suo Social Network Lifeinvader. Ci stancheremo mai di GTA V? Sembra proprio di no. 

Solo il tempo potrà dirlo, così come sarà il tempo a dirci se anche noi occidentali potremmo giocare a quella piccola meraviglia che risponde al nome di Persona Q, che venerdì è tornato a ricordarci della sua esistenza con due trailer, uno dedicato agli eroi di Persona3 e uno a quelli di Persona4.

Nel frattempo, da ieri anche i Giapponesi hanno potuto mettere le mani su PlayStation 4, che ora ha conquistato quasi tutto il globo. Nel corso dell’evento organizzato per il lancio, hanno potuto parlare alcuni dei nomi dell’industria come Hideo Kojima), Shinji Hashimoto e Naoki Yoshida (Square-Enix), e Toshihiro Nagoshi (Ryu ga Gotoku Studio), nomi che, ne siamo certi, nei prossimi sette giorni saranno protagonisti. 

Questo post è stato scritto da:

- ha scritto 37 articoli su Inside The Game.

Contatta l'autore

Commenti

Commenti

Rispondi