Categorie | News

Firewatch è la nuova esperienza indie targata Campo Santo [annuncio]

Firewatch è la nuova esperienza indie targata Campo Santo [annuncio]

Aldilà della simpatia (o delle afferratine di gioielli) che può suscitare il loro italianissimo nome, i ragazzi di Campo Santo hanno la loro base a San Francisco, quindi sono degli yankee a tutti gli effetti. Ciò non impedisce al loro primo progetto, Firewatch, di risultare intrigante già dalle prime battute. In questo titolo indie vestiremo i panni di Harry, un uomo che ha deciso di allontanarsi dalla sua vita e dai suoi guai diventando guardia forestale tra le montagne del Wyoming: il suo ruolo è quello di segnalare eventuali focolari a dare l’allerta, mentre la responsabile Delilah rappresenta il suo unico contatto col mondo esterno, mantenuto soltanto via radio. Un giorno, Henry si accorge di qualcosa di strano e decide di scendere dalla sua torretta, avventurandosi a piedi nell’immensa distesa boscosa che lo circonda. Questo viaggio attraverso l’ignoto gli darà modo di confrontarsi con sé stesso e fare delle scelte che metteranno alle corde il rapporto con l’unica persona che conosce, ossia la stessa Delilah.

Ciò detto, e considerato che uscirà soltanto nel 2015, perché dovrebbe interessarvi Firewatch? Beh, perché nello staff Campo Santo militano parecchi veterani della gaming industry che in curriculum hanno roba come Mark of the Ninja, Brutal Legend, The Cave, Bioshock II e The Walking Dead: Stagione 1 – questo dovrebbe già garantire su quella che sarà la qualità narrativa dell’esperienza. In secondo luogo, essendo sviluppato tramite Unity, è probabile che il gioco finisca per espandersi oltre le sue piattaforme di partenza (PC Windows, Linux ed Max OS) e verso le console di nuova generazione. Campo Santo sarà molto comunicativa riguardo al progetto, ed ha messo su un blog di sviluppo da cui potrete eseguire ogni progresso tramite interventi scritti e video; ci sono già dei bei wallpaper da scaricare realizzati dal celebre designer Olly Moss.

Questo post è stato scritto da:

- ha scritto 3648 articoli su Inside The Game.

Contatta l'autore

Commenti

Commenti

Rispondi