Categorie | COPERTINA, PC, Recensioni

Indipendent Monday: Neverending Nightmare [Recensione Indie Game]

Neverending Nightmare

  • Piattaforma: PC
  • Publisher: Infinitap Games
  • Software House: Infinitap Games
  • Indipendent Monday: Neverending Nightmare [Recensione Indie Game]

    Ancora una volta puccio i piedi nello stagno fetido dell’horror. Voglia d’incubi a questo giro e non c’e’ nulla di meglio che un titolo dove il plot vuole portare il giocatore a viverne uno. Così si presenta Neverending Nightmare di Infinitap Games, il cui team, armato di un cartonato di Cristopher Nolan ed una brutta esperienza vicina ai loro cuori, si siede al buio a scrivere l’inception del loro pubblico. Chi siamo? Perché stiamo affondando sempre più nel viscoso mare dei nostri traumi? Noi lo sappiamo, lo abbiamo giocato tutto, ma a voi sta a scoprirlo. Sia mai che per uno spoiler di troppo ci si ritrovi una piccola orda di scimmie volanti sul sentiero a mattoncini grigi di Temple Bar. Meglio non rischiare.

     screen21

    Neverending Nightmare viene costruito su una struttura molto simile a quella di Knock Knock, altro esperimento d’insonnia ma molto più orientato a puzzle e amenità logiche che tanto ci sono piaciute. Infinitap Games opta invece per uno scheletro privo di divagazioni e mira alla semplice esplorazione ambientale tipica del mondo indie, ma si preoccupa di farlo con una maestria ballerina.

    Gli sviluppatori hanno curato alla perfezione il comparto tecnico, confezionando delle musiche d’impatto, un audio perfetto - soprattutto se giocato con l’apposita modalità da cuffia – ed una scelta stilistica grafica efficace. Deviando dal 3d al 2d rappresentato attraverso disegni in bianco e nero, non cell shading ma classici disegni, ci vogliono affogare ancora di più nell’idea generale di un viaggio attraverso la demenza mentale. Le luci, le zone d’ombra, ogni effetto grafico del caso non e’ trascurato da questa soluzione, ma ne esce impreziosito. Sulla carta questo gioco e’ perfetto e si nota il cuore e l’ispirazione data dall’omaggiare un membro del team, attualmente impegnato in una lotta contro le malattie mentali. E’ abbastanza?

    Con 14.99 ci si porta a casa Neverending Nightmare che si presenta come un prodotto degno di stare su Steam, contrariamente a molte altre produzioni. Il gioco non ha però una longevità sufficiente a soddisfare la pretesa del prezzo richiesto e nemmeno una profondità di gioco altrettanto meritevole. Come detto in altre occasioni non siamo di fronte ad un videogame completo, ma al cospetto di un prodotto che punta sull’empatia e sulla capacità del giocatore d’immergersi negli eventi e di farsi trascinare da quello che accade, sente e vede. Non certo un fattore negativo, ma ormai abusato, trito e ritrito, morto, sepolto, resuscitato e ammazzato senza troppa grazia con un bel taglio alla testa od un paletto di frassino nel cuore. Per quanto ancora andremo avanti con questo genere?

    In definitiva il titolo e’ consigliato a chiunque si possa definire un amante del genere od un feticista dell’incubo. Neverending Nightmare e’ forte tecnicamente, fa il suo onesto dovere nel portare orrore e destabilizzazione psichica, ma s’indebolisce nella compagine ludica, nella partecipazione attiva del giocatore allo spavento, lasciandoci spettatori di un bel circo sanguinante, ma comodamente seduti accanto alla troup con il tizio dell’asta del microfono un po’ maldestro e dall’abbiocco facile.

    Inside The Game

    • Tecnicamente Ottimo
    • Horror psicologico riuscito

    Outside The Game

    • Dov'è il gioco?
    Voto:

    Interessante

    Come valutiamo i giochi

    Questo post è stato scritto da:

    - ha scritto 574 articoli su Inside The Game.

    Contatta l'autore

    Commenti

    Commenti

    Rispondi